IL VERO LEADER

“Ogni decisione economica ha una conseguenza di carattere morale” (Caritas in Veritate, 37)

La ricostruzione dell’uomo è fondamentale per la ricostruzione della società e del mondo economico. L’estensione della pura logica mercantileinfatti, non può risolvere tutti i problemi sociali: è necessaria la chiarezza del fine da raggiungere, il perseguimento del bene comune. Se ogni scelta deve avere una radice etica,  questa deve a sua volta  discendere da norme oggettive accessibili alla ragione. Il vero leader comprende e pratica questo assioma. La sua vita personale, come il suo agire professionale, sono guidati da valori morali inderogabili, nella resistenza contro le manipolazioni ideologiche, nella lotta interiore contro l’egoismo e la debolezza umana.

Questo lavoro di introspezione e crescita, finalizzato a irrobustire e migliorare l’ambiente circostante e le persone che con esso interagiscono,  è il passaggio decisivo che distingue un dirigente comune da un vero leader.

Il ruolo e l’attività del manager implica infatti la capacità di generare benessere sociale, il bene comune, e nel contempo lo sviluppo pieno e integrale della persona.

Molti si identificano come maestri, tuttavia a mio parere, tre sono i grandi che hanno saputo tracciare le vie per la formazione di quella che possiamo definire ”l’anima del leader”.

1)     Stephen R. Covey, uno dei più autorevoli e influenti maestri di tecniche manageriali, leadership e organizzazione aziendale. Americano, mormone, autore del best-seller mondiale “The 7 habits of higly effective people” ( I sette pilastri del successo).

Dall’ interno all’esterno”: esaminare attentamente e innanzitutto noi stessi, il nostro carattere, il nostro modo di pensare e di agire, le nostre più profonde motivazioni. Questo è il vero punto di partenza della formazione manageriale: conoscere se stessi per controllare l’ambiente, tenerlo in pugno; anzi, condurlo per mano. Avere ben chiaro l’obiettivo e saper valutare le attività per raggiungerlo.

2)    S. Benedetto da Norcia, maestro di spiritualità e fondatore dei Benedettini, l’Ordine che ha forgiato l’ Europa e la Civiltà occidentale.

Ascolta figlio gli insegnamenti del maestro a apri docilmente il tuo cuore, raccogli di buon animo i consigli di un Padre che ti vuole bene e mettili in pratica con impegno per ritornare, con la solerzia dell’obbedienza, a Colui dal quale ti eri allontanato per l’ignavia della disobbedienza” e “nel silenzio scopri la radice di ciò che pensi”.

Qui non interessa il genere letterario, ma la sostanza. Sono parole tratte dalla Regola scritta 1.500 anni fa  dal Fondatore di una delle più grandi Organizzazioni multinazionali mai create. E il punto di partenza e di arrivo è sempre uno, l’individuo, che è il perno della comunità stessa, dell’Impresa.

3)    Sant’Ignazio di Loyola, padre e fondatore dei Gesuiti. Da 500 anni grazie ai suoi Esercizi Spirituali vengono  plasmati uomini e leaders che hanno avuto e continuano ad avere un’influenza straordinaria a tutti i livelli della società.

“[Esercizi] per vincere se stesso e mettere ordine nella propria vita, senza prendere decisioni in base ad alcuna affezione che sia disordinata”.

In altri termini, la leadership non è intesa come un ruolo da svolgere unicamente sul posto di lavoro per poi metterlo da parte quando torniamo a casa. No, “la leadership è la vera vita del leader” il nuestro modo de proceder che è poi il the way we do thing di tanti manager americani. La conoscenza di se stessi, anche qui “dall’interno all’esterno”, è il punto di partenza per la formazione di persone convinte e motivate che hanno dato vita ad una vera e propria macchina da guerra –nel senso di efficienza e risultati- che ha attraversato i secoli: la Compagnia di Gesù.

Uomini diversi, epoche lontane, ma una grande unità di pensiero e di azione. Temi importanti, esperienze forti. Da conoscere, approfondire e praticare perché, come insegna lo stesso Covey: “imparare senza fare è come non imparare del tutto; sapere e non fare è come non sapere”.

Novità



  Condividilo su Facebook       Stampa

Un senso di realizzazione
...Oggi mi sento forte e lucida. Utilizzo la mente in modo ancora più efficiente, sto sperimentando un maggiore allineamento fra parte razionale, universo affettivo ed emotività...continua

Un lavoro attivo
...E' un lavoro attivo (e facile) sulla coscienza che viene modificata fino ad ottenere uno stato di consapevolezza nuova...continua

Incontrare l’amore
...dopo un po' di lavoro su me stessa e col prezioso aiuto di Flaminia, avevo gia' "smontato" i pezzi principali della macchina inconscio/mente Emanuela...continua

Iscriviti alla newsletter di
Flaminia Balestreri

Prenota la tua sessione telefonica
gratuita con Flaminia:

Nome


E-mail


Telefono


Contatto Skype *


Orario

* campo non obbligatorio


info@flaminiabalestreri.it Tel. 02 86 45 52 25 - 335.225616 contatto Skype: flaminia_mi

Quali sono le cose giuste? Sai già quali sono. Sai esattamente di cosa hai bisogno per cambiare la tua vita in meglio. Il problema non è che non sappiamo; è che non facciamo ciò che già sappiamo. Larry Winget